Porchetta cotta al forno a legna

Salumeria di Monte San Savino (Arezzo)

Monte San Savino
torna alla cartina dell'Italia
Porchetta cotta al forno a legna
Il territorio

LA STORIA

La famiglia Iacomoni si occupa di porchetta da circa 50 anni. Ha cominciato Walter, che, sovvertendo la tradizione di famiglia (papà era pescatore), si mise a vendere porchette al mercato. Il prodotto è buono, i clienti apprezzano e tornano a comprarlo. Nasce così, nel 1962 una piccola bottega di macelleria. I salumi si salavano in una stanza sotto casa, mentre la porchetta si portava a cuocere nei forni a legna della casa di campagna: “A 13 anni ci andavo in bicicletta” racconta il figlio Alessandro “per curiosare e dare una mano: si può dire che io e la porchetta siamo cresciuti insieme”. Infatti, Alessandro continua l’attività nel nuovo e moderno salumificio, dove l’attenzione alla qualità delle materie prime, la lavorazione artigianale e l’abilità delle persone hanno sempre il primo posto.

vaschetta

 

IL TERRITORIO

Monteriggioni sorge su un colle tra Siena e Firenze. Le sue mura hanno ispirato la forma della corona dell’Italia nelle rappresentazioni allegoriche. Il paese fu per secoli un baluardo di Siena: città di artisti e mercanti. Nel palazzo comunale di Siena, Ambrogio Lorenzetti dipinge l’affresco del “Buongoverno” (1337-39), in cui compare una cinta senese: suino rustico, nero, con una fascia chiara (cinta) attorno alle spalle; fu allevato per secoli dai mezzadri, al cui lavoro si deve la trasformazione delle campagne toscane nel paesaggio che tutti ammiriamo.

il prodotto

IL PRODOTTO

La porchetta di Monte San Savino è tra i prodotti agroalimentari tradizionali riconosciuti dalla Regione Toscana. È prodotta con carni di suini nati, allevati e macellati sul territorio. Conciata con rosmarino e finocchio selvatico, è cotta lentamente nel forno a legna. Dà il meglio di sé accompagnata da un vino Nobile di Montepulciano.